LOADING*

Digita per cercare nel sito

VERDE

VERDE

Share

Cari amici,
questa volta l’ispirazione parte dal colore verde. Verde come l’erba, come la mia vecchia auto  e gran parte del mio abbigliamento.
Verde come alcune sfumature degli occhi di mio padre e che solo oggi, con la maturità, talvolta rintraccio con grande soddisfazione anche nei miei.
Verde-speranza tanto per confermare che, prima o poi, alcuni dei nostri più profondi desideri si traducono in realtà. Sicuramente occorrerà lavorarci sodo, tuttavia…

VERDE SPERANZA

Il verde si colloca fra i colori freddi e quelli caldi, esattamente a metà, è un colore secondario ed “equilibrato”, in quanto somma di  blu (calma assoluta) e giallo (energia pura). Pertanto il colore verde regala calma e  ha un effetto rilassante, non a caso è il colore più usato negli ospedali, nelle sale operatorie e nelle scuole.

Dipingere una parete di casa verde vuol dire creare un angolo per il relax, un pezzetto di paradiso dove rifugiarsi dallo stress. Il verde è, infatti, il colore più rilassante in assoluto anche in virtù del fatto che per l’occhio umano è il più semplice da rielaborare. Quindi non dimentichiamo che il nostro occhio ha bisogno di vedere verde, d’altronde quando siamo immersi nella natura ci sentiamo bene, ci pervade una calma profonda e il contesto ci provoca un’irresistibile e positiva attrazione. Questo spiega  l’efficacia di tecniche terapeutiche che consigliano passeggiate nel verde o nei boschi, tecnica da tempo nota in giappone con il termine shinrin yoku (bagno nella foresta) ovvero una permanenza consapevole e rilassata nel bosco.  Il tutto è contenuto anche nell’etimologia del nome  dal latino:  virĭde, derivato di virēre ‘verdeggiare’; è una sorta di rigenerazione, legata alla natura e alla sua rinascita primaverile.

Chi riesce a coltivare con successo le piante si dice che abbia il “pollice verde”, da questo si passa poi al verde come sinonimo di ambientalismo, eco-sostenibilità, prodotti biologici, fertilità… fino ad arrivare a chiamarlo “verde speranza”.

In psicologia il verde è amato dalle persone equilibrate e tranquille, coloro che raggiungono gli obiettivi senza imprevisti. Come ogni colore anche il verde ha delle connotazioni negative, ad esempio diciamo verde d’invidia di una persona che non riesce a contenere uno stato d’animo, o un sentimento, per cui, in relazione a un bene o una qualità posseduta da un altro, prova dispiacere e astio.
Essere al verde significa “essere senza soldi”, sembra che tale affermazione derivi dal fatto che nelle aste pubbliche delMagistrato del Sale di Firenze si adoperassero, come “segnatempo”, delle lunghe candele di sego tinte di verde nell’estremità inferiore: quando la candela arrivava “al verde”, l’asta si chiudeva.

Secondo la cultura indiana il colore verde è collegato al IV chackra (Anahata), rappresentato dall’elemento aria, elemento che unisce il cielo e la terra, e quindi sinonimo dell’armonia e della natura. Simbolo di speranza, equilibrio, pace e rinnovamento.

RICETTA: 
MOUSSE di MELE  e SALSA di FRAGOLE 

 

Una ricetta regalatami tanti anni fà dalla cugina Daniela, un dessert facile e molto apprezzato da tutti.

Ingredienti: 1 kg di mele smith, 500 g di fragole, 1/2 litro di panna, 150 g di zucchero e 3 limoni.

Procedimento: lavate, mondate e tagliate le fragole. Passatele nel mixer con 50 g di zucchero e il succo di un limone, ricavatene una salsa e conservatela in frigo in una bottiglia.
Sbucciate, mondate e tagliate a spicchi  le mele,  passatele nel mixer con circa 100 g di zucchero e il succo di due limoni. Aggiungete alla purea di mele  500 g di panna di latte montata a neve, mescolate e mettete nel freezer. Ogni 10 minuti togliete il composto dal freezer per mescolarlo, ripetete questa azione almeno 3 volte, poi conservate la mousse in frigo per qualche ora e fino al momento in cui la verserete in una coppetta aggiungendo sopra dell’abbondante salsa di fragola, decorando con qualche fogliolina di menta e una lingua di gatto. Se avanza della mousse potrete anche congelarla.

 

Sandra Ianni

 

 

Articoli Precedenti
Articolo Successivo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo Email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *